Deliri parigini

- Parigi. Parigini. Particolari. Party. Partiti. Parassiti. Partout. Parabole. Paralumi. Parrocchie. Parolieri. Parastatali. Parossista. Parbleu!

 

- Davanti a me il cielo era cupo, minaccioso, carico di pioggia pesante. E io avanzavo. Il grigio sempre più sporco delle nuvole, il petrolio del canale, il verde e il rosso degli alberi. Che colori! Sapevo benissimo di stare andando verso l’occhio della tempesta. Ma se sei felice l’acqua non bagna, tutt’al più rinfresca.

 

- La gente a volte è scema. L’ho pensato mentre la guardavo giocare a beer pong ubriaca. Poi ci ho ripensato. La gente è scema sempre.

 

- Bianco e nero non è solo il modo di vedere la tv di una volta, di scattare fotografie o di vestire. È anche un bell’esempio di opposti che si attraggono.

 

- Parigi

Giorni grigi

Notti colorate

Quante bevute

L’ostello ha un bar, invaso

Almeno uno dei due non è qui a caso

Sorseggio una Frog’s

Francesi giocano a beer pong

Nessun bong

Aspettando l’ultimo gong

Ecco una bionda

Accresce l’onda

Torno al bancone

Ragazza attacca bottone

“Sono algerina anche se così scura”

“In che senso, scusa?”

Ragiona male

Ma non è da buttare

Mi porta a un tavolo di sole donne

Tante belle gonne

Mi presenta un’amica

Nemmeno lei da discarica

“Americana?”

“No, texana”

“Per l’appunto…”

Ci metto un punto.

 

- Sono ancora qui ma penso già a lì:

Barcellona. Barca. Barone. Baritono. Bar. Baraonda. Barlume. Baro. Barbone. Barile. Barcollare. Barella. Bara.