Così ho trovato l'America

Veloce valutazione delle 10 città che ho visitato nel corso del mio viaggio americano (tra parentesi il numero di giorni interi minimo per apprezzarle, sempre secondo me):

 

La più bella: Chicago (4)

La Windy City affascina per i suoi palazzi, i parchi, l’arte e la spiaggia che dà sull’immenso lago Michigan. Consigliatissima.

 

La più potenziale: Detroit (2)

Eccola la città forse più trasandata, ma anche quella che, con un consistente sforzo economico, potrebbe davvero fare il salto di qualità più grande.

 

La più vivibile: Toronto (3)

Oltre ad essere indubbiamente ben fatta ed organizzata, la metropoli canadese non ti stressa e ti fa sempre sentire al sicuro.

 

La più base: Buffalo (1)

Cittadina senza troppe pretese, non meriterebbe di per sé grande attenzione ma ha una grande fortuna: è perfetta come punto di partenza per le cascate del Niagara (le più scenografiche, 1).

 

La più atmosferica: Boston (3)

La città sembra venuta su in modo leggermente confuso, ma l’aria che si respira è frizzante, giovane e invoglia a bersene una in compagnia.

 

La più studentesca: Providence (1)

Cittadina semplice e tranquilla, poco dispersiva e con un’università, la Brown, che ne è senza dubbio il cuore pulsante.

 

La più tutto: New York (5)

Come si può tentare di descrivere la Grande Mela? Impossibile. È troppo, nel bene e nel male. È tutte le altre città e nessuna di esse.

 

La più storica: Philadelphia (2)

Invidiabile la sua posizione, in mezzo a due città tanto importanti, ma non solo. Questa è stata capitale per un po’ e si vede. Proprio una bella sorpresa.

 

La più schematica: Washington (3)

Centro creato a tavolino e non può non notarsi. Però il lungofiume, Georgetown e i sobborghi colorati la rendono più che apprezzabile.

 

La più festaiola: Miami (Beach) (2)

Qui, si sa, ci si può divertire sul serio. Grandi spiagge, ottimi locali, donne bellissime e uomini di un certo livello. Se si hanno i soldi è ancora meglio.

 

Ps: per domande e/o consigli non esitate a contattarmi! 

 

BlogPatrick AcquadroComment